Notizie

LA PAURA NON AIUTA

  • Pubblicato in News

“In questo mondo tutti soffriamo di bullismo, perché c’è sempre qualcuno a cui non piace come siamo; la differenza è che c’è chi ci sta più male e chi meno.”

Questo è il pensiero di una ragazzina delle classi partecipanti al progetto di sensibilizzazione su bullismo e cyber-bullismo.

Il primo progetto attuato nella nostra scuola di Peer Education nasce 4 anni fa, nel 2014, ma è solo adesso che finalmente si è riuscito a formare un gruppo di ben 15 nuovi ragazzi di agraria, liceo e tecnico del nostro istituto Baldessano Roccati.

La formazione dei ragazzi si è raggiunta attraverso le lezioni tenute al pomeriggio dalle dottoresse Cerutti e Brizzo, che li hanno preparati ad affrontare forse il pubblico più arduo: gli allievi delle scuole medie.

Grazie al sostegno della Professoressa Silvana Appendino, referente del progetto, da quest’anno i ragazzi collaborano con altre scuole e il raggio d'azione si è ampliato notevolmente coinvolgendo il Comune di La Loggia, Cambiano e Andezeno.

Una serie di interventi è stata dunque possibile grazie ad un progetto del Rotary club e alla volontà del comandante Prelato della Polizia municipale di La Loggia, che già aveva seguito i primi peer.

Una volta usciti dal corso i 15 ragazzi si sono ritrovati a dover trattare con classi a volte molto numerose, il tutto sempre essendo affiancati dai “vecchi” peer, in questo progetto sin dai primi anni.

Nelle classi le definizioni attribuite a bullismo e cyber-bullismo sono svariate, possiamo però riassumerle con poche parole: tristezza, ansia, compassione, rabbia, paura, solitudine e abusi.

La cosa su cui tutti però sono d’accordo è la mancanza di dialogo, tra il bullo e la vittima, ma soprattutto tra gli spettatori e la vittima.

La maggior parte dei casi vede ragazzi e ragazze che tendono ad isolarsi, che, rimanendo in silenzio, si arrendono sin dall’inizio.

I ragazzi affermano: “Le parole di un bullo sono molto utili ad innaffiare l’aria”.

Questo per far capire che, se siamo uniti e forti, se abbiamo la forza di reagire con Amore possiamo sconfiggere il bullo.

Paola Cortellesi nel suo monologo con Marco Mengoni afferma lo stesso concetto.

“Sono entrato in palestra e ho puntato il più carogna di tutti… così l’ho abbracciato e ho vinto io”.

  1. E. Torazza, M. DeglInnocenti

area docenti  area studenti  area famiglie

Accesso